29 Nov - 2 Dic MILANO
BEA  – Best Event Awards
BEA  – Best Event Awards
FRANCESCA PEZZINI
Giuria

FRANCESCA PEZZINI, COCA-COLA

Consumer & Shopper Connections Director Europe

BIOGRAFIA

Dopo la laurea in Economia conseguita presso l’Università Bocconi, inizia nel 2008 a lavorare nel mondo della comunicazione: prima due brevi esperienze di stage in azienda, poi 8 anni in centri media nel dipartimento strategico (GroupM e Dentsu). Dal 2017 inizia a lavorare in Coca-Cola come responsabile dello sviluppo di strategie di comunicazione integrate e della pianificazione pubblicitaria per l’Italia e l’Albania e poi per Central & Eastern Europe; attualmente ricopre il ruolo di Consumers & Shopper Connections Director per l’Europa, collaborando con le funzioni centrali, locali e globali.

Francesca in pochi Tweet:

Gli ultimi due anni sono stati molto difficili per il mondo degli eventi. La industry ha reinventato – e ancora continua a farlo – format e modalità di engagement per continuare a parlare ai propri target. Un progetto vincente nel nuovo contesto post pandemia deve…: essere parte integrante della più ampia esperienza con il brand, mettendo più che mai l’individuo al centro e creando una esperienza unica e memorabile. Deve rispondere all’esigenza del consumatore di ritorno alla socialità, portando con se tutto il know-how degli eventi digitali costruito durante la pandemia e da ultimo, ma non meno importante, deve esserci un grande focus sulla sostenibilità dell’attività.”

I giurati valutano i progetti prima online, sulla base di un video e di una scheda informativa e in un secondo momento valutano nuovamente i progetti in shortlist anche grazie a una presentazione di 2 minuti da parte della struttura iscrivente. Il mio consiglio ai candidati, per un’efficace presentazione del progetto è…: mi ripeto ogni anno ma confermo chiarezza, semplicità, uno storytelling coinvolgente e risultati che dimostrino l’efficacia e l’impatto dell’attività”

‘Welcome to the new stage’ è il claim dell’edizione 2021 del Bea. Frase che intende invitare all’ottimismo, essere un segnale di ripartenza per continuare a lavorare con positività e, allo stesso tempo, dire quanto agli addetti ai lavori manchi la realtà del palco fisico. Come pure, ‘Welcome to the new Stage’, significa che, proprio grazie alla pandemia, siamo entrati su un altro livello di ‘gioco’. Welcome to the new stage’ per te significa…:è un po’ come ‘Back to Future’: torniamo sul territorio, all’evento fisico, alle esperienze tangibili per il nostro consumatore ma progettando l’attività con una nuova lente di innovazione e di digitalizzazione che consentirà agli eventi di raggiungere un pubblico sempre più ampio, oltre a quello fisicamente presente.”