29 Nov - 2 Dic MILANO
BEA  – Best Event Awards
BEA  – Best Event Awards
LUCA CORSI
Giuria

LUCA CORSI, VORWERK ITALIA

Events Manager

BIOGRAFIA
Luca Corsi, 56 anni, architetto, è l’Events Manager della Divisione Folletto di Vorwerk Italia con sede a Milano. Corsi gestisce l’inhouse magazine, l’ideazione, progettazione e comunicazione degli eventi aziendali e le sponsorizzazioni. Cura ogni anno la “Convention Nazionale della Vendita”, la grande convention spettacolare in cui si premiano i migliori agenti di vendita d’Italia, i lanci di prodotto, i viaggi incentive e gli eventi collegati alla vita aziendale.
Luca in pochi tweet:

Il 2020 è un anno difficile per il mondo degli eventi. La industry sta cercando di reinventare format e modalità di engagement per continuare a parlare ai propri target.  Un progetto vincente in un contesto post pandemia dovrà…: “trovare una chiave comunicazionale che sposi gli obiettivi del messaggio aziendale con la necessità di rimettere al centro la persona, le relazioni umane e il “contatto occhi negli occhi” (fintanto che saranno bandite le strette di mano). I format non mancano, le idee e la creatività degli event manager neppure, quello che va ritrovato oggi è il piacere del fare networking in persona, che si è un po’ perso soppiantato dalla paura e da allarmismi che mi auguro risulteranno presto ingiustificati”.

I giurati valutano i progetti prima online, sulla base di un video e di una scheda informativa.
Il tuo consiglio ai candidati, per un’efficacie presentazione del progetto è….: “coinvolgere emotivamente la giuria trovando il “grimaldello” giusto per far assaporare il gusto dell’evento. Farci percepire il clima, l’atmosfera, il sentiment conviviale che si è creato fra le persone che hanno partecipato a quel momento di condivisione è l’unico modo – e quindi il migliore – per tessere quel “filo di collegamento empatico” che deve far sentire ogni giurato alla stregua di un “partecipante virtuale” dell’evento, come se lui stesso fosse stato lì con gli altri”.

‘Simplicity is the new gold’ è il claim dell’edizione 2020 del Bea. Il senso è quello di tornare all’essenziale, di “togliere” ciò che è superfluo. Una call to action forte, una invocazione a porsi nuovi obiettivi, più sostenibili, più in linea con la con le sfide della contemporaneità e del futuro, confidando nelle nostre capacità creative. ‘Simplicity is the new gold’ per te significa…: “tornare ai fondamentali, per costruire nuovi percorsi, nuove soluzioni, nuove modalità di live communication, però – e sottolineo il però – senza mai perdere di vista lo scopo precipuo della communication by events. «Il medium è il messaggio», diceva McLuhan: tutto ciò che distrae dal messaggio aziendale, trascolorandolo in una inconsistente esibizione di “effetti speciali” fini a se stessi, è superfluo e dannoso per l’azienda. Perché non è tutt’oro quello che luccica. Si torni alla semplicità, piuttosto, perché in essa risiede il vero valore”.

ALTRI MEMBRI