29 Nov - 2 Dic MILANO
BEA  – Best Event Awards
BEA  – Best Event Awards
Lucia Magliano pic scaled
Giuria

LUCIA MAGLIANO, ENEL

Global Events

BIOGRAFIA

Laureata in Economia e Commercio alla Bocconi di Milano, inizia la sua carriera nel mondo della pubblicità online a Londra e poi ad Amsterdam, dove ricopre il ruolo di International Account Manager nel Gruppo WPP.
Dopo quattro anni torna in Italia ed entra nel mondo dell’energia, inizialmente come Marketing e Communications Manager di Shell e, dal 2005, in Enel, dove ha assunto diverse incarichi in ambito marketing e commerciale in varie società del Gruppo – Enel.si, Enel Green Power ed Enel Energia.
Nel 2016 si trasferisce in Svizzera per motivi personali e poi in Australia, lavorando per il Ministero dell’Educazione del Queensland. Dal 2018 nuovamente in Enel, dove gestisce gli Eventi Globali del Gruppo nella Comunicazione Holding. ed il progetto globale PlayEnergy, dedicato da Enel a promuovere i valori della sostenibilità e dell’innovazione verso la GEN Z.

Lucia in pochi tweet:

Gli ultimi due anni sono stati molto difficili per il mondo degli eventi. La industry ha reinventato – e ancora continua a farlo – format e modalità di engagement per continuare a parlare ai propri target. Un progetto vincente nel nuovo contesto post pandemia deve…: “sfruttare la flessibilità e le potenzialità di comunicazione consentita dalla tecnologia digitale, combinandola con la live experience, elemento così potente in questo periodo di post pandemia. Un blending, quello consentito dagli eventi ibridi, che ingaggia audiences sempre più globali come è stata la presentazione degli stakeholder del Piano strategico di Enel (Capital Market Day 2020), efficace strumento per ricreare emozioni e rispondere, al tempo stesso, alle esigenze di marketing/comunicazione delle aziende.”

I giurati valutano i progetti prima online, sulla base di un video e di una scheda informativa e in un secondo momento valutano nuovamente i progetti in shortlist anche grazie a una presentazione di 2 minuti da parte della struttura iscrivente. Il mio consiglio ai candidati, per un’efficace presentazione del progetto è…: “spiegare con semplicità il processo di esecuzione del progetto, un momento di collaborazione corale anche dentro l’azienda: dal concept allo storytelling , alla visione del brand comunicata, agli obiettivi prefissati ed ai risultati ottenuti – sia dal punto di vista fisico che virtuale. Poi le sfide affrontate, come si sono superate ed, infine, la dimensione tecnica impiegata per eseguire il progetto.”

‘Welcome to the new stage’ è il claim dell’edizione 2021 del Bea. Frase che intende invitare all’ottimismo, essere un segnale di ripartenza per continuare a lavorare con positività e, allo stesso tempo, dire quanto agli addetti ai lavori manchi la realtà del palco fisico. Come pure, ‘Welcome to the new Stage’, significa che, proprio grazie alla pandemia, siamo entrati su un altro livello di ‘gioco’. ‘Welcome to the new stage’ per te significa…: “reinventare noi stessi anche professionalmente dopo la pandemia, rendendo vincenti i nostri progetti. In Enel vogliamo ispirare i nostri Clienti con la potenza delle emozioni nello stare insieme, ma anche valorizzare i contenuti di business grazie alle nuove opportunità che il mondo del digitale ci ha insegnato, insieme con una rinnovata voglia di positiva creatività. Senza dimenticare l’impatto positivo che questo “new stage” ha sulla sostenibilità e sull’ambiente, perché ci consente di far “viaggiare virtualmente”, con eventi ibridi proposti in streaming, i nostri Colleghi e Clienti a tutte le latitudini e di misurare efficacemente i KPIs dei progetti.”