BEA  – Best Event Awards
BEA  – Best Event Awards
Bea Festival, 'esplode' la Live Communication. E al Bea Italia trionfa Merlo S.p.A. con #WhatAreYouFOR' per smart

Una due giorni ricca e intensissima, chiusasi in bellezza con la cerimonia di premiazione dei migliori Eventi dell’anno.

Al Teatro Franco Parenti di Milano, la nuova formula del Bea – Festival Italiano degli Eventi e della Live Communication ha riscosso un ottimo feedback da parte del pubblico intervenuto.

Tra ospiti, giuria, premi ed eccellenze, ecco il racconto della Festival di ADC Group.

Due giorni da ricordare, dunque, di quelli che rimarranno nella storia della event industry italiana, e nel cuore e nella memoria della community degli eventi. La prima edizione del Bea – Festival Italiano degli Eventi e della Live Communication segna un passo importante: il passaggio, come dice il nome stesso, dagli Eventi alla Live Communication.

GUARDA IL VIDEO DELLA SECONDA GIORNATA DEL BEA FESTIVAL SU ADVEXPRESSTV

Si allarga, dunque, la prospettiva, e le rigide classificazioni lasciano spazio a un orizzonte più fluido, caratterizzato da Entertainment, Engagement, Experience. Testimoni di questo cambiamento, gli ospiti stessi che hanno animato il Festival al Teatro Franco Parenti di Milano.

unnamed (4).jpg

A cominciare da David Zard, impresario e manager musicale, che ha esortato il pubblico a guardare sempre avanti e sempre lontano, e a puntare sulla cultura per coinvolgere il pubblico (per leggere la news, CLICCA QUI), ma anche Jordan Fiksenbaum, uno dei più importanti nomi dello show business americano, che ha delineato perfettamente la generazione delle 4C: Curation, Connection, Creation, Community (per leggere la news, CLICCA QUI).

FIKSENBAUM 2.jpg

Di intrattenimento ed esperienza, del resto, hanno parlato tutti i ‘big’ presenti alla giornata del 30 settembre, compreso il maestro del digital matte painting Charles Darby, che ha spiegato alla platea del Bea Festival che esiste un territorio comune tra arti visive ed eventi, tra questi ultimi e le tecnologie, che offrono un ampio ventaglio di possibilità (per leggere la news, CLICCA QUI).
Tecnologia, grandi show, experience e coinvolgimento, ma senza dimenticare lo storytelling, ovvero quel contenuto e quei valori che, in ogni evento, devono essere al centro del messaggio da veicolare.
E denso di suggestioni è stato il racconto di Gabriele Vacis e Giuseppe Cederna, personalità di spicco del mondo teatrale e culturale italiano. Partendo dalle loro esperienze, hanno infatti spiegato come l’empatia sia il primo strumento per fare in modo che un contenuto sia vissuto e rimanga impresso nella memoria dell’audience, come il racconto di una storia non possa prescindere dalla trasmissione di emozioni (per leggere la news, CLICCA QUI).

unnamed (14).jpg

Con estrema ironia, poi, il partner di NewtonLab Andrea Beretta ha tratteggiato il profilo del professionista d’azienda: dall’Homo Nostalgico all’Homo Gattopardiano, che desidera cambiare ma non agisce affinché questo avvenga, fino all’Homo Evoluzionista, capace di intuire le condizioni per un futuro, e quindi una scelta di campo, migliore (per leggere la news, CLICCA QUI).

unnamed.jpg

Per evolvere, dunque, sono necessarie anche grandi competenze e conoscenza del settore. E questi arrivano dagli strumenti del mestiere, come l’Event Masters, ultima fatica editoriale del direttore creativo di Filmmaster Events (edito da ADC Group con la collaborazione di Pixartprinting) Alfredo Accatino, presentato proprio al Bea Festival (per leggere la news, CLICCA QUI), e dai dati dell’unidcesimo ‘Monitor sul mercato degli eventi in Italia’, ricerca annuale svolta da AstraRicerche per ADC Group.
I dati, anche per il cosiddetto effetto Expo, quest’anno danno ragione ai segnali di ripresa sentiti negli ultimi mesi. La crescita infatti c’è stata, ma soprattutto migliora il sentiment delle aziende intervistate, le quali riconoscono, in buona percentuale, l’inizio di un’era di contaminazione, fatta, appunto, di live entertainment e di engagement, nonché di una audience sempre più trasversale (per leggere la news, CLICCA QUI).

FINZI.jpg

Il confronto diretto è arrivato con la tavola rotonda dal titolo esplicativo: ‘Il salto di curva, dagli eventi alla live communication’, in cui esponenti del mondo delle agenzie e delle aziende hanno ripercorso la ‘storia’ degli Eventi, il loro percorso evolutivo dall’ambito del ‘below the line’ a un territorio fatto di contaminazione e dignità mediatica pari a quella degli altri mezzi. Una rivoluzione che nonostante sia sotto gli occhi di tutti, ancora va ben compresa in tutta la sua complessità (per leggere la news, CLICCA QUI).

TAVOLA ROTONDA.jpg

E se una delle principali tendenze degli Eventi, oltre alla contaminazione e all’experience, è la sostenibilità, intesa come attenzione non solo all’ambiante ma anche alle tematiche etiche, ecco che il progetto ‘Food for Good’, spiegato da Gabriella Ghigi di Federcongressi&eventi e da Giuliana Malaguti del Banco Alimentare, ha offerto alla platea di agenzie e aziende un buon consiglio su come rendere virtuoso il proprio evento destinando il cibo in eccesso alle mense caritatevoli (per leggere la news, CLICCA QUI).

Per concludere questa carrellata di contenuti, basti il commento del campione Igor Cassina, che ha aperto il Festival con la sua testimonianza di sportivo e testimonial di eventi aziendali: “Chi non si forma, si ferma”.
E’ importante, quindi, continuare ad aggiornarsi, anche perché, ha aggiunto, “la performance sportiva è come un evento: deve essere ‘buona la prima’, hai solo una possibilità di dare il meglio” (per leggere la news, CLICCA QUI).

ADC Group, sempre attenta a cogliere i cambiamenti del mercato della comunicazione, ha dunque dato vita a un Festival dalle grandi ambizioni e aspettative, ampiamente soddisfatte in ogni momento della kermesse.

IL BEA ITALIA

L’attesissima e come sempre frequentatissima cerimonia di premiazione del Bea Italia ha visto sfilare sul palco del Teatro Franco Parenti di Milano l’eccellenza della creatività italiana. Condotta da Marco Maccarini, la serata è stata una vera e propria sfilata di eccellenze: 21 premi di categoria, quattro menzioni speciali della giuria – Best creativity, Best execution, Best channel strategy e Best Effectiveness -, quattro premi speciali tra i quali la Best agency e il Direttore creativo dell’anno e, per finire, i Premi dell’Editore e i primi tre da podio.

PER LEGGERE L’ELENCO DEI PREMI, CLICCA QUI 

Rimandiamo all’elenco dei vincitori per tutti i dettagli dei progetti che hanno trionfato in questa edizione del Bea Italia, che ha visto candidarsi un numero record di 153 eventi (+44% rispetto al 2014), dei quali 82 entrati in short list e valutati dalla giuria guidata da Simonetta Consiglio, responsabile marketing e comunicazione di Sisal.

23.jpg

La giornata del 29 settembre, infatti, i giurati in penaria hanno decretato i vincitori di questa edizione (per leggere la news, CLICCA QUI).

a6.jpg

Sale sul gradino più alto del podio Merlo S.p.A. agenzia di eventi, che ha presentato ‘#WhatAreYouFor’ un progetto unconventional e dal forte carisma per il lancio dei nuovi modelli della smart.
Un evento che è stato capace di condensare tantissimi elementi diversi, dal web al territorio, dai social alla tecnologia live, con una fortissima fase teaser che ha contribuito a generare buzz e curiosità presso il pubblico.

a3.jpg

PER LEGGERE LA SCHEDA DEL PROGETTO ‘#WHATAREYOUFOR’, CLICCA QUI
PER VEDERE IL VIDEO, CLICCA QUI

Al secondo posto, Casta Diva Group, con il progetto ‘Hearing Hands’, realizzato per Leo Burnett Istanbul. Un evento dal grande risvolto sociale per il lancio del servizio di Samsung dedicato ai non udenti, e che ha visto al centro Muharrem, scelto tra la popolazione dei non udenti per divenire inconsapevole protagonista di una giornata speciale. Grande mediaticità anche per questo evento.

PER LEGGERE LA SCHEDA DEL PROGETTO ‘HEARING HANDS’, CLICCA QUI
PER VEDERE IL VIDEO, CLICCA QUI

Terzo premio, la cerimonia ‘Expo The Opening – Piazza Duomo’ di Havas Events Milan per Expo 2015 S.p.A.: grande musica e intrattenimento alla vigilia dell’Esposizione Universale, quando il palco sul sagrato di Piazza Duomo, a Milano, ha ospitato grandi ospiti internazionali e l’anteprima assoluta dei Padiglioni di Expo. Un evento, come da copione, di gran seguito.

PER LEGGERE LA SCHEDA DEL PROGETTO ‘EXPO THE OPENING – PIAZZA DUOMO’, CLICCA QUI 
PER VEDERE IL VIDEO, CLICCA QUI

I prossimi giorni, sul sito e20express.it, saranno pubblicate tutte le schede dei primi premi di categoria, ma anche i progetti vincitori dei Premi Speciali, dei Premi dell’Editore e quelli che hanno ottenuto Menzione Speciale dalla giuria.

Chiara Pozzoli
————————————-
Il Bea – Festival Italiano degli Eventi e della Live Communication è un evento ADC Group

Organizzatore: Filmmaster Events
Main partner: Clonwerk, Milano Music Consulting, New Light, STS Communication, Teatro Franco Parenti
Partner: Direzione Ostinata, Excogitare, Digivents di GoAPP, Pixartprinting, Telemeeting, Drink & Taste, La Taverna Gourmet di Davide Iannaco, NIKI Events, Joy Project, F.D. Rent, HRS, MP Management
CONDIVIDI