29 Nov - 2 Dic MILANO
EVENTI ISCRITTI
NUDI E CRUDI Temporary Shop
  • BRAND EXPERIENCE
  • Evento B2C
  • Evento Low Budget
  • MIGLIORE GESTIONE DELLA COMPLESSITÀ ORGANIZZATIVA

NUDI E CRUDI Temporary Shop

Vincitore di categoria

Evento Low Budget
BEA  – Best Event Awards
BEA  – Best Event Awards
CLIENTE

Discovery Italia

NUDI E CRUDI Temporary Shop
AGENZIA

WeLookAround

TARGET

L’attività era rivolta a tutte le persone maggiorenni che si trovavano a passare quel weekend di settembre lungo via di Porta Ticinese a Milano. In particolare, a tutti i viewers del canale Dmax ed in particolare ai fan del programma Nudi e Crudi

EDIZIONE

2020

Accogliere i passanti all’interno di un negozio in cui tutto il personale era completamente senza indumenti. Il nudo integrale dei commessi aveva come scopo, da un lato di richiamare direttamente al core del programma che veniva pubblicizzato, dall’altro di generare espressioni, commenti e reazioni degli involontari partecipanti all’attività, ad uso e consumo dell’amplificazione dell’evento stesso sui media offline e soprattutto online, obiettivi tra l’altro conseguiti ottimamente. Il background di tutto questo e un link ancora più saldo e diretto con il programma è stato l’allestimento di un temporary in una delle vie dello shopping milanese, in cui, sotto il cappello del brand DMax e del prodotto Nudi e Crudi, il weekend precedente la messa in onda della nuova stagione, venivano venduti oggetti utili alla prima sopravvivenza; quegli stessi oggetti che i partecipanti allo show televisivo erano costretti a reperire in natura per garantirsi la sopravvivenza. A cominciare dagli indumenti

Focus

Promotion: promuovere con un evento on site la partenza della nuova stagione
Notiziabilità: superare i limiti della localizzazione di un evento trovando spazio su testate giornalistiche
Social Experiment: coinvolgere il pubblico consumer in una situazione unaxpected per generare viralità sui social

Idea Creativa

Accogliere i passanti all’interno di un negozio in cui tutto il personale era completamente senza indumenti. Il nudo integrale dei commessi aveva come scopo, da un lato di richiamare direttamente al core del programma che veniva pubblicizzato, dall’altro di generare espressioni, commenti e reazioni degli involontari partecipanti all’attività, ad uso e consumo dell’amplificazione dell’evento stesso sui media offline e soprattutto online, obiettivi tra l’altro conseguiti ottimamente. Il background di tutto questo e un link ancora più saldo e diretto con il programma è stato l’allestimento di un temporary in una delle vie dello shopping milanese, in cui, sotto il cappello del brand DMax e del prodotto Nudi e Crudi, il weekend precedente la messa in onda della nuova stagione, venivano venduti oggetti utili alla prima sopravvivenza; quegli stessi oggetti che i partecipanti allo show televisivo erano costretti a reperire in natura per garantirsi la sopravvivenza. A cominciare dagli indumenti